Descrizione immagine

Progetto sostegno scolastico a distanza in Togo

Descrizione immagine

Di cosa si tratta:


Diamo aiuto ai bambini togolesi che non hanno le capacità materiali ed economiche di poter iniziare o proseguire gli studi quando le famiglie si trovano in difficoltà economiche, non potendo quindi sostenere le rette scolastiche e tutto ciò che concerne lo studio. Il contributo è di 94 euro all'anno. Come funziona: Via email il donatore riceve nome e foto del bambino che gli è stato “affidato”. E riceverà ogni 3 mesi la pagella (in forma digitale e cartacea) per verificare i suoi progressi. Può inoltre corrispondere con lui inviando foto, cartoline, lettere.



Come aderire:


     - Richiedi e compila il modulo per la tua adozione mandando un email a: italia.afria  la tua donazione e completa il modulo.
     - Il bonifico deve essere intestato all’Associazione Afriaca sul conto corrente acceso presso la Banca Etica con IBAN: IT82I0501801600000000128774.



Ci hai pensato?


Il sostegno scolastico a distanza può essere utilizzato anche come regalo di compleanno, battesimo, cresima, comunione, matrimonio, al posto delle bomboniere tradizionali etc. Un modo concreto per contribuire alla crescita di una "nuova famiglia". Ti chiediamo, quindi, di diffondere la voce tra amici, parenti e conoscenti per far conoscere il progetto e per poter avere altri sostenitori come te.



Perche questo progetto?


Lo studio è inteso come unico e reale mezzo di crescita, civilizzazione, apprendimento di cultura e sviluppo dell’individuo e deve essere preservato e assicurato ovunque e a chiunque. Purtroppo in alcune parti del mondo, anche nel XXI secolo, lo studio è un lusso che, non tutti si possono permettere. Ci sono luoghi dove alcune famiglie, non riescono a sostenere i costi necessari per mandare i propri figli a scuola, non riuscendo semplicemente a comprare il materiale necessario, come i libri e i quaderni o pagare le rette scolastiche.


 


In molti casi, i  ragazzi che non frequentano la scuola sono figli di genitori malati di AIDS oppure orfani affidati ad un parente o a un tutore,  che generalmente  fatica a mandarli a scuola o predilige mandare i figli propri o che semplicemente avendo già una bocca in più da sfamare, non si vogliono accollare anche questo ”problema”.


Nella capitale, Lomè, capita spesso durante il giorno di incontrare tanti ragazzi gironzolare per le strade in orario di scuola. Molti di loro, alla richiesta del perché non sono a scuola rispondono “perché non mi hanno mandato”. E’ molto frequente che i genitori preferiscano ovviare al problema dell’ingente costo dell’istruzione in questo modo,  evitandolo.


Capita quindi di imbattersi in tante situazioni diverse ma comuni tra loro, come quella di una ragazzina di 12 anni in prima elementare, orfana e affidata agli zii, i quali non possono pagare la scuola anche a lei perché hanno già dei figli propri da mandare.


In tutti questi casi è necessario dare un reale aiuto per offrire anche ai meno fortunati la possibilità che spetta loro. La nostra Associazione intende aiutare concretamente questi ragazzi, raccogliendo i fondi necessari all’acquisto di quaderni, libri, matite, rette scolastiche ed assisterli durante il percorso dell’intero anno scolastico.



Indietro